Fare attività di promozione del benessere / Fare Attività Fisica Adattata
Sei in Home

/Vivere la terza età/Home


Fare Attività Fisica Adattata


Un programma di attività fisica adattato alla tua condizione di salute

Che cos'è l'attività fisica adattata - AFA?

E' un'attività fisica, non sanitaria, svolta in gruppo, in luoghi di socializzazione, palestre o piscine. Tale attività è in grado di assicurare effetti positivi, in termini di benessere psicofisico, oltre che in persone sane anche in soggetti con ridotta capacità motoria legata all'età.

Si tratta di programmi di esercizio fisico adattati a persone che lamentano dolori diffusi dovuti a scarsa o ridotta attività fisica, come ad esempio l'artrosi, mal di schiena, osteoporosi.

Tale attività rientra in un corretto stile di vita, quindi il Servizio Sanitario Regionale si impegna a promuovere l'AFA in modo da facilitarne la diffusione tra la popolazione che ne può trarre beneficio.

I corsi si svolgono sotto la guida di laureati in scienze motorie e/o in fisioterapia.

L'efficacia e la sicurezza dei programmi sono stati valutati da ricerche internazionali, con la consulenza scientifica dell'Istituto Superiore di Sanità, dell'Università di Firenze e dei National Institutes of Health (USA). Queste ricerche hanno rilevato che l'AFA è sicura anche per soggetti molto anziani e fragili, migliora il mal di schiena ed altre condizioni dolorose dovute alla scarsa attività motoria, migliora il movimento e il cammino, inoltre riduce l'isolamento sociale e migliora l'umore dei partecipanti.

Questo tipo di iniziative infatti può dare un contributo importante per la salute delle persone anziane che spesso sono spinte, dall'età avanzata e dalla presenza di qualche malattia, a ritirarsi, ad isolarsi. Un'attività fisica misurata e costante può contribuire a preservare una vita attiva il più a lungo possibile, facilita amicizie e stimola alla partecipazione alla vita sociale. L'AFA ha quindi una duplice funzione, migliora la condizione fisico-biologico e quella relazionale.


Come si attiva il percorso?

Il percorso AFA - Attività Fisica Adattata - si attiva su indicazione del medico curante o dello specialista del Servizio Sanitario Regionale, oppure su consiglio del fisioterapista alla fine dei programmi riabilitativi, sentito il parere del medico curante. All'interno del depliant informativo c'è il modulo di invio all'AFA che deve essere compilato dal professionista che consiglia il percorso.

La persona sceglie poi uno dei Centri che hanno aderito all'accordo di collaborazione con l'Azienda USL Toscana nord ovest.

Tali Centri si sono impegnati a svolgere l'Attività Fisica Adattata a "bassa disabilità" secondo i protocolli concordati con la Regione Toscana.


Quanto costa?

Le attività fornite da tali Centri prevedono un costo a carico del cittadino di Euro 2 a seduta, con modalità di pagamento concordate a livello locale. Sono ammesse minime variazioni a seconda che si tratti di attività svolte in palestra o in piscina.



Per ulteriori informazioni:

Dipartimento di Prevenzione - U.F. Medicina dello Sport

Piana di Lucca Cittadella della Salute "Campo di Marte" - edificio C - 2° piano - Telefono 0583-970301
medsport@usl2.toscana.it
orario: mercoledì e venerdì ore 14 - 18

Valle del Serchio Telefono 0583-729568 daniela.silvestri@uslnordovest.toscana.it



Criteri di esclusione dai programmi AFA

Attività Fisica Adattata Speciale o Attività Fisica Adattata ad alta disabilità




Delibere della Regione Toscana su AFA

Delbera n. 1418 del 27 dicembre 2016 Attività Fisica Adattata (AFA): approvazione dei nuovi protocolli di esercizi e indicazioni per lo
sviluppo degli interventi per l'invecchiamento attivo della popolazione.

Delibera n. 677 del 25 maggio 2015 Attività Fisica Adattata (AFA): recepimento del parere n. 37/2015 del Consiglio Sanitario Regionale.

Delibera n. 459 del 3 giugno 2009 Attività Fisica Adattata (AFA): approvazione "Documento di indirizzo" e schema di Accordo tra Regione Toscana, Organizzazioni sindacali confederali, sindacati dei pensionati del lavoro autonomo e Enti di promozione sportiva.

Delibera n. 1081 del 7 novembre 2005 Percorso assistenziale per le prestazioni di medicina fisica e riabilitazione. Accordo di collaborazione tra Regione Toscana e associazioni regionali pensionati e enti di promozione sportiva riconosciuti CONI. Presa d`atto.

Delibera n. 595 del 30 maggio 2005 Percorso assistenziale per le prestazioni specialistiche di medicina fisica e riabilitazione (allegato 2b, DPCM 29 novembre 2001). Percorso assistenziale per le prestazioni di riabilitazione ambulatoriale.




Ultimo aggiornamento 30/05/2017

 

Regione Toscana